info@mudregu.it 348 799 58 44

Dietro le Cose: alla ricerca di sguardi.

Home
  ›  
Arte
  ›  
Dietro le Cose: alla ricerca di sguardi.
You are here:

Dietro le Cose: alla ricerca di sguardi.

11 May 2017 0 comments

‘Dietro le cose’, fotografie di Andrea Sardu in concorso al PremioArt del Caffè Letterario, Roma.

L’idea alla base del progetto fotografico ‘Dietro le cose’ è nata gradualmente, nel corso di anni, durante i quali amavo fotografare i bellissimi panorami sardi, le cupe strade di Londra, dove ho vissuto per tre anni, o immortalare i momenti di ogni viaggio che compivo. Per quanto mi potesse o meno piacere una foto mi sorprendevo a chiedermi: “Davvero quest’opera è mia? Non è forse il merito della sua riuscita in gran parte della stessa situazione casuale che mi capita sotto gli occhi o del paesaggio che mi sta di fronte?”. Accumulavo fotografie nel mio hard disk e quanto più i giga riempivano la memoria quanto più montava in me un senso di noia verso quella massa di dati virtuali. Smisi di fare fotografie (tranne, per professione, foto di prodotto e riprese), e di portare la macchina fotografica in ogni posto dove andavo.

Cominciai a scrivere un libro, ‘Nascosti nella magia dietro le cose’. Ci vollero sei anni prima di completarlo. Il libro, ora finito ma ancora non edito (causa l’accavallamento di molti progetti) narra la storia di un ragazzo che vive in una società arcaica e a cui viene affidata una difficile prova, un viaggio lungo e pericoloso, come iniziazione alla vita adulta. La sua cultura gli ha impartito dogmi e credenze che per lui, prima della partenza, sono indubitabili ma che gli accadimenti del viaggio faranno crollare d’un tratto mostrandogli il vero aspetto della realtà, priva di demoni e magie, cruda e dolorosa.

Un po’ come per il ragazzo del libro, in quel periodo lentamente anche per me cambiava il punto di vista sulle cose e, in particolare, sull’immagine. Decisi che ‘dietro le cose’ c’era più di quanto poteva restituire un semplice scatto a un paesaggio. Le cose non hanno una forma definita ma cangiante; e il loro cambiare dipende da come le si guarda! Lo sguardo di una persona che osservasse un paesaggio dal finestrino di una macchina, renderebbe la foto di un paesaggio sfumato. Lo sguardo di una persona che socchiudesse gli occhi renderebbe la foto di un paesaggio sfocato. Lo sguardo di una persona con occhiali dalle lenti colorate (o affetto da daltonismo) renderebbe una foto dai colori alterati. E lo sguardo di un cane? E quello di una formica?

“La realtà è una pratica, non un dato di fatto.
Credere rende reale ciò che credi esser vero.”

Questo è l’incipit del libro che ho scritto. Ogni cosa è vera a seconda dei punti di vista. Presi a realizzare delle foto in cui il paesaggio non era più al centro del mio interesse: lo era la sua deformazione a seconda dello sguardo. Poco per volta nacquero le foto che fanno capo al tema ‘Dietro le cose’.

Oggi ‘Dietro le cose’ è un work in progress: sto continuando a ‘giocare con gli sguardi’ per quanto riguarda la fotografia e ho già molte idee per altri set. Per vedere l’evoluzione di questo progetto, seguitemi su Behance (https://www.behance.net/sarduandreab7e7).

Negli anni scorsi ho applicato il pensiero che è alla base di ‘Dietro le cose’ a due sceneggiature per cortometraggi che sto producendo in maniera indipendente, ‘Catarsi Ascensione & Hell Raving’ e ‘Elenatura’. Del primo abbiamo già pubblicato un trailer (guardatelo su www.catarsi-the-movie.it)  e contiamo di finirlo circa per la metà dell’anno prossimo.

Fino a domani, 12 Maggio 2017, è possibile votare le foto in concorso facendo click su questo link. Vi saremo grati se vorrete darci una mano, grazie in anticipo.

Andrea Sardu

Mudregu comunicazione
About The Author

There are no comments yet, but you can be the first



Comments are closed.

Foto e testi di proprietà di Mudregu, riproduzione concessa solo su permesso. - Site design Mudregu 2014

Go to Appearance -> Menus -> Create your footer menu -> Choose it in "Theme Location" block